Il tuo carrello è vuoto.

Il libro nella giungla alla Pinacoteca di Brera

6 Luglio 2021

L’archivio dei fatti del G8 di Genova 2001 non ha trovato casa nella sua città natale e dopo vent’anni emigra verso Bologna. Questa notizia, appresa in uno dei meravigliosi podcast di Internazionale, “Limoni” a cura di Annalisa Camilli, ha toccato molte corde. CHI SI DEVE OCCUPARE DI CHE COSA?
Questa domanda ci appartiene da tempo: una libreria di che cosa si deve occupare? Solo una libreria o una biblioteca si devono occupare di libri? Dove anche, e come, con chi?
Non solo, quindi, quali libri avere (anche se questo ne determina in modo fondamentale l’identità e la visione), ma soprattutto quali relazioni creare con il pubblico e con i soggetti pubblici e privati della cultura per portare i libri oltre le proprie pareti, fisiche o virtuali.


La domanda chiama in causa il binomio DENTRO E FUORI e coinvolge molte realtà allo stesso stesso modo.
Con James Bradburne, direttore della Pinacoteca di Brera e frequentatore innamorato di SpazioB**K, abbiamo da sempre desiderato fare qualcosa insieme, con la convinzione che il museo sia un terreno fertile per l’educazione alla lettura e, più in generale, al visivo.


L’occasione per conoscere meglio lo staff della didattica della Pinacoteca e iniziare a intrecciare i nostri percorsi è stata portare Il libro nella giungla all’interno del museo.
Il libro nella giungla è un’avventura esplorativa nella vastità e varietà della produzione editoriale contemporanea e passata dei libri illustrati, in tutte le lingue e in tutte le forme, per acquisire strumenti autonomi di osservazione e analisi, condividendo le proprie scoperte e motivazioni in gruppo, a partire da una o più domande chiave poste all’inizio dell’incontro. La giungla cambia a seconda dei contesti prendendo forme diverse attraverso nuovi libri e stimoli.
In Pinacoteca abbiamo creato una giungla di cataloghi d’arte, libri e albi illustrati sull’arte, sull’esperienza museale e sull’educazione visiva, manuali di didattica d’arte, brochure e materiali di comunicazione di mostre raccolti in giro per il mondo, saggi di architettura e design sulle narrazioni espositive e libri che metaforicamente potessero accendere sguardi e riflessioni sul museo. Disposti in modo assolutamente casuale e caotico a terra e in una casetta mobile in una sala circondata dalla Pittura veneta del Quattro e Cinquecento. Dopo aver introdotto i partecipanti al tema, abbiamo chiesto loro di esplorare la giungla in assoluto silenzio per mezz’ora con l’obiettivo di scegliere due libri-bussola che, da una parte, ricordassero un’esperienza passata del proprio percorso formativo e lavorativo per raccontarsi agli altri e, dall’altra, un libro che rappresentasse invece il desiderio o la ricerca di qualcosa di nuovo di cui occuparsi in futuro.

Le due domande hanno incontrato intuitivamente la sensibilità del gruppo, facendo emergere riflessioni già aperte dal direttore e dalla didattica che hanno trovato nuova linfa nella giungla. Il tema del rapporto tra DENTRO E FUORI si è rivelato centrale anche al museo: “La Pinacoteca è veramente della comunità?”; “Perché qui non incontriamo la diversità?”; “Cosa può dire Brera con opere legate alla cultura occidentale e alla tematica religiosa a una comunità grande e variegata?”.


Nella diversità delle scelte, i libri hanno indicato tre strade: una “interna” per rendere più “personale”, “famigliare” e “meravigliosa” l’esperienza al museo; una più inedita “dall’esterno verso l’interno” per “aprire a tutti” e “dare parola e spazio” alla diversità dentro alla Pinacoteca, anche cambiando la lettura del passato; e una più complessa “dall’interno verso l’estero”, dove il museo è chiamato a sperimentare progetti per uscire e farsi spazio in altri luoghi di comunità.

Tre strade che insieme proveremo a esplorare nuovamente per immaginare come una libreria possa dare una mano al museo lungo diverse rotte.

Tieniti aggiornato su tutti gli appuntamenti!

Iscriviti alla newsletter di SpazioB**K per non perdere le occasioni di incontro e approfondimento e scoprire anche libri e corsi che non ti aspettavi