Il tuo carrello è vuoto.

IL CICLO VITALE DELLA NATURA

Online

Scienza, arte e sostenibilità nell’esperienza educativa con l'aiuto dell'inglese insieme ad Angelica Manca e Paul Frank Wagner

IL CICLO VITALE DELLA NATURA

Online

Scienza, arte e sostenibilità nell’esperienza educativa con l'aiuto dell'inglese insieme ad Angelica Manca e Paul Frank Wagner

Quando

Sabato 24 e domenica 25 ottobre 2020 dalle 10 alle 17

Dove

ONLINE

Troppo tardi! Per informazioni sulla prossima edizione scrivici a info@spaziobk.com

1) Le iscrizioni verranno accettate in ordine di arrivo fino a esaurimento posti.
2) In caso di mancato raggiungimento del numero minimo previsto, la libreria si riserva di annullare il corso. Verrà data immediata comunicazione agli iscritti e verrà restituita la quota versata.
In caso di annullamento del corso da parte della libreria per cause di forza maggiore, anche all’ultimo momento, è previsto il rimborso della sola quota di partecipazione.
3) È possibile disdire la partecipazione e chiedere il rimborso dell’importo versato fino a 14 giorni lavorativi prima dell’inizio del corso, dando comunicazione tramite telefono o mail alla quale la libreria dovrà dare conferma di avvenuta ricezione.

IL CICLO VITALE DELLA NATURA - Troppo tardi! Per informazioni sulla prossima edizione scrivici a info@spaziobk.com

IL CICLO VITALE DELLA NATURA - Troppo tardi! Per informazioni sulla prossima edizione scrivici a info@spaziobk.com

DESCRIZIONE GENERALE E OBIETTIVI

Il corso si propone di promuovere un modello educativo di apprendimento basato sulla sostenibilità ambientale, in cui la scienza abbraccia l’arte, attraverso l’utilizzo di materiali naturali e organici e della lingua inglese.
Il percorso educativo segue l’evolversi delle stagioni ed il naturale sviluppo dei bambini.

A CHI E’ RIVOLTO

Il corso si rivolge a educatori ed insegnanti della scuola materna e primaria, ai professionisti della didattica in vari contesti educativi, genitori e interessati alla relazione con la natura in chiave interdisciplinare e sperimentale.

PROGRAMMA IN SINTESI

Il primo giorno del corso sarà dedicato alla teoria applicata di The Garden Project, un programma didattico ecologico che usa la natura per insegnare la scienza e l’inglese ai bambini delle scuole dell’infanzia e primaria.

The Garden Project segue la stagionalità della natura, tramite il ciclo vitale delle piante da ortaggio: dal seme alla pianta, per poi tornare nuovamente al seme.
Si affronteranno le sinergie che esistono tra insetti, piante ed esseri umani per vivere in armonia ed equilibrio con il nostro ambiente naturale.

Scienza e Arte verranno unite in un’attività laboratoriale in cui i partecipanti creeranno “l’orto in scatola”, un micro-orto coltivato in una scatola 20 x 30 cm con piantine da ortaggio di stagione.
Seguiranno una serie di attività che mostreranno ai partecipanti come usare l’orto in scatola come spazio educante per superare la mancanza di spazi esterni e motivare l’apprendimento dell’inglese grazie ad esperienze di tipo manipolativo sensoriale e la sperimentazione diretta con la natura.

Durante il secondo giorno del corso, dedicato a Sticks & Stones Land Art – si applicheranno tecniche visive, quali scultura, pittura, e disegno, per elaborare visivamente la stagionalità della natura, ispirati dai più grandi artisti del movimento del Land Art, quali Richard Long, Michael Heizer, Robert Smithson e Andy Goldsworthy.

Le attività laboratoriali si baseranno sulla sperimentazione diretta della materia prima: sassi, foglie, fango e bastoncini.
I sassi, ispirati dal lavoro di Richard Long, verranno usati in lavori sculturali che, oltre all’estetica, insegnano la collaborazione. L’uso dei bastoncini, influenzato dai cavalli di Deborah Butterfield, verrà abbinato allo storytelling, per ampliare il lessico in inglese. I colori delle foglie verranno interpretati secondo il lavoro compositivo di Andy Goldsworthy mentre il fango sarà un’esperienza del tipo sensoriale interpretata in chiave indigena.

Il corso si concluderà con suggerimenti su come elaborare una propria progettazione educativa che segue la stagionalità della natura, usando l’inglese come lingua di insegnamento in materie scolastiche non linguistiche, come le scienze e l’arte.

MATERIALI FORNITI

  • 2020 Rapporto Sulla Sostenibilità (versione digitale)
  • Guida all’insegnante The Garden Project (versione digitale)
  • Guida all’insegnante Sticks & Stones (versione digitale)
  • 2 schede di lavoro Sticks & Stones
  • 2 schede di lavoro The Garden Project

MATERIALI A CARICO DEI PARTECIPANTI

Ogni partecipante dovrà procurarsi per la giornata del corso i materiali base utili per creare “l’orto in scatola”:
– 1 scatola in plastica o legno, se in legno serve anche una busta grande della spazzatura, bucata
– busta da 20L di terriccio preferibilmente organico
– 4-5 piantine: 1 d’insalata, 1 di prezzemolo o altra erba, 1-2 carote, 1 calendula/violetta (fiore che si possa mangiare), 1 cipolla.

GLI INSEGNANTI

Angelica Manca, autrice di The Garden Project (l’Orto in Scatola) e Paul Frank Wagner, autore di Sticks & Stones Land Art per bambini, entrambi co-fondatori di Hoopla Education.

Angelica Manca, cittadina americana ed italiana, è laureata in Psicologia presso l’Università di Kent, Inghilterra. Lavora nel mondo dell’educazione creativa sin dal 2002, quale autrice di materiali didattici creativi. Nel 2014, si orienta verso un’educazione allo sviluppo sostenibile e crea The Garden Project, un programma didattico che gode di un successo mondiale in 17 paesi al mondo.


Paul Frank Wagner è un’artista concettuale francese di fama mondiale cresciuto a New York, fortemente influenzato dal rapporto con la natura, in particolare con l’oceano e le foreste. I suoi lavori sono stati esibiti negli Stati Uniti, Francia ed Italia.
Dal 2014, Paul si dedica anche a svolgere laboratori creativi con bambini dando vita al magico mondo della natura e nel 2018, ha lanciato Sticks & Stones, il primo programma didattico per bambini dedicato al Land Art.

Non perderti i nuovi corsi!

Iscriviti alla newsletter di SpazioB**K per conoscere meglio i programmi, rimanere aggiornato sul calendario delle proposte di formazione e scoprire anche libri e incontri che non ti aspettavi.