Il tuo carrello è vuoto.

La prima frase è sempre la più difficile

Wisława Szymborska e Guido Scarabottolo

La Prima Frase è Sempre la più Difficile Szymborska
La Prima Frase è Sempre la più Difficile
La Prima Frase è Sempre la più Difficile Scarabottolo Szymborska

La prima frase è sempre la più difficile

Wisława Szymborska e Guido Scarabottolo

La prima frase è sempre la più difficile | Terre di Mezzo 2019

Iniziare è sempre la cosa più difficile. Allora meglio dire fin da subito non lo so per “espandere le nostre vite” e semplificare tutte le relazioni con dolcezza. Una grande lezione di umanità della poetessa Wislawa Szymborska in occasione del discorso tenuto il 7 dicembre 1996 a Stoccolma per la cerimonia di conferimento del premio Nobel. Guido Scarabottolo segue la sua voce in punta di matite e acquerelli.

12.00€

disponibilità: 4

La Prima Frase è Sempre la più Difficile Szymborska
La Prima Frase è Sempre la più Difficile
La Prima Frase è Sempre la più Difficile Scarabottolo Szymborska

9788861895751
rilegato
italiano
nuovo

Spedizioni in Italia
In Italia tutte le spedizioni vengono realizzate attraverso corriere o posta raccomandata (posta tracciata). La spedizione ha un costo di 5€ iva inclusa.
Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Se realizzi acquisti sul sito hai diritto di recesso gratuito entro 14 giorni dal momento della consegna della merce.
Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

La prima frase è sempre la più difficile
12.00€ disponibilità: 4

La prima frase è sempre la più difficile
12.00€ - disponibilità: 4

«Ecco perché do tanto valore a questa piccola frase: “Non lo so”. È solo una frasetta, ma vola su ali possenti.
Espande le nostre vite, abbracciando gli spazi dentro di noi e le distese esteriori in cui il nostro piccolo pianeta fluttua sospeso. Se Isaac Newton non si fosse mai detto “Non lo so”, le mele del suo frutteto sarebbero cadute a terra come chicchi di grandine e, nel migliore dei casi, lui si sarebbe fermato a raccoglierle e a mangiarle con gusto. Se la mia compatriota Marie Skłodowska-Curie non si fosse mai detta “Non lo so”, sarebbe probabilmente finita a insegnare chimica in qualche scuola privata per signorine di buona famiglia e avrebbe passato la vita a svolgere questa professione, altrimenti perfettamente rispettabile. Ma continuò a dirsi “Non lo so”, e queste parole la portarono – non una, ma due volte – a Stoccolma, dove gli spiriti indomiti e curiosi vengono talvolta insigniti del premio Nobel.»

Non perderti i nuovi arrivi!

Iscriviti alla newsletter! Una volta alla settimana un mix internazionale di libri di tutti i generi e per tutte le età: la nostra lettura della contemporaneità, creando percorsi associativi inediti.