Undercommons

Stefano Harney, Fred Moten, prefazione di Jack Halberstam

Pianificazione fuggitiva e studio nero
Tamu + Archivebooks 2021

15,00

Disponibilità: 1

Add to Wishlist

9791280195029
brossura
italiano
nuovo

Spedizioni a Milano città, con pony a 3€
Spedizioni in Italia, in tutta Italia con corriere a 6€ o 7.50€, in base al peso
Spedizione gratuita, sopra i 120€ di acquisto, alla spedizione pensiamo noi!
Spedizioni internazionali, con corriere, in base al paese del destinatario e al peso dell’ordine.
Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Se realizzi acquisti sul sito hai diritto di recesso gratuito entro 14 giorni dal momento della consegna della merce.
Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Dalla prefazione:
«Moten e Harney vogliono indicare un altro luogo, un luogo selvaggio che non è semplicemente lo spazio residuale che delinea le zone reali e regolamentate dalla società civile; è piuttosto un luogo selvaggio che produce continuamente la sua stessa natura selvaggia e sregolata. La zona in cui entriamo attraverso a Moten e Harney è in corso ed esiste nel presente, e come dice Harney “una sorta di domanda era già in atto, soddisfatta nella chiamata stessa”. (..) Anche per Moten, sei sempre già nella cosa che chiami e che ti chiama. Inoltre la chiamata è sempre un richiamo al dis-ordine, e questo disordine, o questa condizione selvaggia, si manifesta in molti luoghi: nel jazz, nell’improvvisazione, nel rumore.  (..) L’ascolto della cacofonia e del rumore ci dice che c’è una natura selvaggia oltre le strutture che abitiamo e che ci abitano. E quando siamo chiamati a quest’altro luogo, l’oltre selvaggio, “oltre l’oltre”, dobbiamo abbandonarci a un certo tipo di follia.»

«Per Fred Moten e Stefano Harney dobbiamo fare causa comune con quei desideri e (non)posizioni che sembrano folli o inimmaginabili: dobbiamo, in difesa di questo allineamento, rifiutare ciò che prima ci è stato rifiutato e in questo rifiuto rimodellare il desiderio, riorientare la speranza, immaginare di nuovo la possibilità, e farlo separatamente dalle fantasie annidate nei diritti e nella rispettabilità. Le nostre fantasie devono venire dalla “stiva”. (..) La stiva qui è la stiva della nave schiavista, ma è anche la presa che abbiamo della realtà e della fantasia, la comprensione che hanno di noi e la comprensione dell’altra a cui decidiamo di rinunciare, preferendovi il toccare, l’essere insieme, l’amare.»